Gelateria

Cerca gli esperti della ristorazione nella tua città e ottieni più preventivi gratuiti.

Imprendo troverà per te i professionisti del settore, che ti proporranno le loro migliori offerte.

Confronta i preventivi e scegli l'offerta più favorevole.


Descrizione Gelateria

Il gelato ha rapito il cuore degli italiani di qualunque età. Difficilmente si riesce a resistere alla tentazione di un cono strabordante di gelato, specialmente se di origine artigianale!

Oltre ad essere un alimento digeribile e nutriente il gelato affonda le sue origini nell'antichità. Si pensa che la storia del gelato sia antica quanto quella dell'umanità in quanto gli esperimenti con gli ingredienti principali, frutta, miele e latte, sono stati numerosi e diversificati.

Il gelato sarebbe originario dell'estremo Oriente, è da lì che si diffuse in tutto il Mediterraneo. Si racconta che gli egiziani usavano servire delle primitive forme di granite, ottenute mediante il congelamento di succhi di frutta. Cleopatra avrebbe offerto a Cesare ed ad Antonio frutta con ghiaccio trito.

Anche re Salomone ed Alessandro Magno avrebbero avuto una particolare propensione per questo alimento che producevano mediante neve mescolata a frutta e miele. Tra i romani era usanza comune, anche tra il popolo, consumare bevande ghiacciate. Plinio il Vecchio ci ha lasciato una ricetta in cui una poltiglia di ghiaccio e miele veniva miscelato con un'altra di ghiaccio e succo di frutta, la crema fredda ottenuta era molto simile al nostro sorbetto.

Non a caso il termine "sorbetto" deriva dall'arabo scherbet, dolce neve. Sono stati proprio gli arabi dopo il Medioevo a far rifiorire questa tradizione in Italia, in particolar modo in Sicilia, occupata alla fine del IX secolo. Grazie agli chef arabi nella ricetta del gelato il miele lasciò il posto alla canna da zucchero.

Questo tipo di sorbetto non fu altro che l'antenato del gelato. Solo intorno al 1600 quando la ricetta fu arricchita da latte, uova e zucchero l'impasto ottenuto era piuttosto cremoso tanto da poter parlare di "gelato".

Ma come si faceva a conservare il gelato in un'epoca sprovvista di gelaterie? Si usavano due recipienti, uno di legno e un altro di peltro, venivano messi uno dentro l'altro. Nel recipiente più piccolo si preparava la crema e si riempiva l'intercapedine creatasi con del ghiaccio e sale. Da dove prendevano il ghiaccio? Il ghiaccio si riusciva a produrre e a conservare tale raccogliendo la neve durante l'inverno e pigiandola in buche profonde coperte con paglia e rami di quercia.

Oggi il gelato viene prodotto industrialmente partendo da una base di latte, a cui vengono aggiunti grassi e vegetali gommosi addensanti, uova, zucchero, ed eventuali coloranti naturali e aromatizzanti come cacao, caffè e frutta. L'impasto viene inizialmente portato a 90° per amalgamare bene gli ingredienti e per eliminare ogni germe, in seguito viene raffreddato a 5°, ed infine una volta rassodato, congelato fino a 10° sotto zero.

Con Imprendo  oltre a conoscere le lontane origini dell'invenzione del gelato potrete essere messi in contatto direttamente con le gelaterie artigianali della zona in cui vi trovate. Tutto questo in modo semplice, veloce e soprattutto gratuito!

Trova il professionista per Gelateria nella tua zona